Skip to main content

Lettere di un’esule – 1

By 1 Novembre 2023Febbraio 17th, 2024esule, I suoi articoli

La Costituzione Napoletana – La Reazione in Europa – Il Socialismo, unica Speranza del Popolo – Turchia – Reschid Pacha [1] , il Riformatore – Stato dell’Impero Mussulmano.

Sullo stretto del Bosforo, 24 luglio 1850

Agli Editori del New York Tribune:

L’ultima corrispondenza dall’Italia ci porta la notizia dell’abrogazione totale e solenne della Costituzione o degli Statuti napoletani. Non posso garantire la veridicità di questa notizia, ma il fatto ha scarso valore, dato che tutto tranne il nome di quella Costituzione è stato distrutto da molto tempo.

La forza della stessa Reazione si è diffusa in tutta Europa, e chiunque gli avesse prestato aiuto o avesse partecipato, anche solo con la sua presenza, al generoso e veramente popolare movimento del 1847 e del ’48, non avrebbe potuto credere, senza vederlo, che questi schiavi agnelli, schiacciati sotto il pesante passo di ogni padrone, fossero gli stessi individui intelligenti e attivi, tanto pieni di vita e tanto temuti. Ecco la grande sventura degli abitanti di questo nostro Vecchio Mondo, da questo lato dell’Atlantico. Tutta la loro energia e serietà va e viene a singhiozzo e inizia, lasciandosi dietro la più completa e spregevole torpidezza. Guarda la Francia, guarda l’Italia, guarda la Germania, Vienna, l’Ungheria e le nazioni slave. Portano le catene più pesanti e gli oltraggi più insolenti, finché ogni pazienza possibile sia esaurita. Poi si ribellano e in un attimo distruggono in polvere ogni strumento che il potere ha ideato per la loro soggezione. Trionfano per un po’, ma anche la vittoria ha il suo effetto logorante. Si addormentano, diventano pigri, troppo fiduciosi o scontenti e litigiosi. Nel conquistare la libertà pensavano di assicurarsi una felicità immediata; che si frapponga un ostacolo sul loro cammino e vengono sopraffatti come da un insuccesso inaspettato; si abbassano, come alla rovina di tutte le loro speranze. Vedono i loro nemici prepararsi ad assalirli, armate avvicinarsi, cannoni e baionette lucenti puntati contro di loro, e non si sentono più all’altezza del pericolo. Si sottomettono – sono di nuovo incatenati e imbavagliati, senza manifestare la minima inclinazione a resistere. E lì giacciono, più simili a bestie stupide che a uomini razionali ed energici. I tiranni esultano, dicendo: “Quando ti sveglierai la prossima volta, esaurirai la tua forza nel rompere le catene che ti abbiamo messo addosso; il tuo accesso di entusiasmo sarà finito, quando avrai compiuto ciò e non ne avrai più per la lotta con noi che deve seguire”.

Tale è lo scopo del governo francese nel togliere, uno dopo l’altro, ogni conquista popolare di febbraio – il suffragio universale, anzitutto. Tale è il disegno dei piccoli principi tedeschi, mentre cancellano la Costituzione che avevano concesso al loro popolo. Tale è l’obiettivo dei sovrani italiani quando assumono mercenari stranieri per la loro guardia del corpo, e dell’Austria mentre succhia il sangue stesso della Lombardia e dei Lombardi, riducendo quella regione più ricca delle più ricche d’Europa all’elemosina, e distrugge in Ungheria ogni traccia dei diritti e delle usanze antiche della nazione.

La stessa pesante torpidezza pervade tutta l’Europa e, temo, si abbatterà sempre di più su di essa se non verrà offerto un nuovo obiettivo per la ricerca popolare. Le idee di indipendenza naturale e di diritti politici sono forse troppo astratte e di natura troppo intellettuale per ispirare le masse popolari con un desiderio interiore e duraturo. Quando la stessa moltitudine aveva di fronte l’abolizione delle enormità feudali, ha combattuto per anni e secoli senza stanchezza o debolezza. Un fine simile ora deve produrre lo stesso risultato.

Il socialismo è l’unico credo che promette al popolo un felice cambiamento nelle circostanze della vita. Il socialismo è quindi la molla più adatta per suscitare un’attività e un’energia durature dalla loro parte. Sfortunatamente è poco conosciuto nella maggior parte dell’Europa, e cosa peggiore, è più frainteso che conosciuto dove se ne parla molto. Il suo stesso nome è appena udito in Italia, né in molte regioni tedesche. La sua essenza e il suo significato sono vergognosamente calunniati in Francia, dove il terrore con cui è visto da tutta la classe media, o borghesia, ha dimostrato la più potente agenzia mai diretta da un governo servile contro la libertà e i principi democratici. Per concludere, penso che l’istituzione del socialismo sarà e deve essere lo scopo e la ricompensa la cui realizzazione susciterà il popolo a un serio conflitto contro i loro oppressori. Ma nutro poca speranza che tale conflitto inizierà presto, dato che in così tanti luoghi si sa così poco del socialismo e si diffondono tali false nozioni su di esso in molti altri. Dovrebbe esserci un paese libero da pregiudizi così come da ogni altra forma di tirannia, che dovrebbe assumersi il compito di insegnare quella scienza agli altri e dimostrarla nella pratica. Gli Stati Uniti d’America mi sembrano più adatti a questo compito rispetto a qualsiasi altra parte dell’umanità: ma ciò che forse vi sorprenderà, anche se è perfettamente vero, è che questo paese in cui vivo potrebbe ora seguire l’America in quel percorso.

La condizione morale dell’Oriente è molto singolare, anche se la sua condizione materiale è la più miserevole del mondo. Avete sicuramente sentito parlare di un conflitto in corso tra il governo turco e la classe più illuminata della nazione che ha sete di civiltà, istruzione e progresso, e la folla fanatica che riesce sempre a sbranare ogni Giaour (“infedele”, N.d.T.) che incontra sulla sua strada e che cospira persino contro il loro Sultano nel momento in cui è sospettato di avere qualche freddezza nei confronti di Maometto e del suo libro. Ma come potrete credermi quando vi dico che è vero il contrario? Si è parlato molto del Sultano Mahmoud, il riformatore, ma siate certi che era un musulmano convinto, altrettanto restio quanto gli altri a modificare, figuriamoci distruggere, la religione che gli permetteva di soddisfare i suoi vizi più orribili. In effetti, l’astuzia di Maometto fu manifestata in modo molto evidente nella composizione di una religione che forniva ai suoi aderenti la più completa soddisfazione delle loro tendenze sensuali e persino delle loro propensioni viziate; sapeva che una tale religione avrebbe avuto pochi apostati, e aveva ragione. Il Sultano Mahmoud[2] non aveva alcun desiderio di riformare un sistema in cui aveva versato più sangue umano di qualsiasi altro conquistatore e non aveva alcun freno alle più innaturali e disgustose depravazioni. Ciò che desiderava era liberarsi dal fatale giogo dei Janissari e Janissarim, mettere un buon esercito regolare al loro posto e introdurre nel suo palazzo alcuni dei comfort dell’Europa occidentale, ed era tutto o quasi tutto.

L’unico vero riformatore nel governo turco è ora Reschid Pacha: il Sultano, avendo seguito il suo consiglio nell’allontanare molti degli abitanti del serraglio[3] di suo padre, sente che abbandonandolo ora rimarrebbe completamente senza amici. Per quella ragione, e solo per quella, aderisce al sistema del riformatore. Ma, dolorosamente, Reschid Pacha non sa da che riforme cominciare né come portarle a termine. Inoltre, è solo, del tutto solo, a prendersi cura di sé stesso (e che terribile compito!), a parlare in ogni transazione diplomatica e a sovrintendere a tutta l’amministrazione senza possedere un amico in cui confidare e su cui fare affidamento. Quasi tutto il gruppo dei Pascià e dei Beys cospira incessantemente contro Reschid Pacha, che considerano giustamente come l’unico sostenitore dell’innovazione.

Qui sopra avete il fatto riguardante le classi più elevate della nazione. Ma c’è una regione in cui la mancanza di buone riforme è davvero e profondamente sentita.

E quella è la classe più bassa della gente. Essi sono la fonte da cui Reshid Pacha trae inconsapevolmente tutta la sua forza. Sono consapevole che in generale in Occidente si creda il contrario, ma questa è la verità. Gli abitanti della regione asiatica selvaggia sono travolti da sofferenze crudeli, mentre i piaceri voluttuosi consentiti da Maometto sono troppo lontani e troppo costosi per raggiungerli. Quale influenza può avere su di loro il fatto che il loro profeta permetta ai suoi discepoli di possedere cento donne e altrettanti uomini, quando non hanno abbastanza da mangiare nemmeno per uno schiavo?

Maometto nel redigere la sua legge non aveva altro obiettivo che formare una nazione di guerrieri. Ma, ora che la guerra e lo spirito guerriero non esistono più tra i musulmani, l’intero edificio della religione musulmana sta crollando per mancanza di una base su cui poggiare. L’agricoltura non viene insegnata né incoraggiata; manifatture e commercio sono ora privilegio di greci e armeni.

Cosa resta quindi per il pacifico turco? Nulla se non meditare sul baratro che lo separa dalle altre nazioni e desiderare di diventare come loro. Il suo orgoglio è svanito insieme alla sua superiorità e al suo fanatismo. Accoglie volentieri ogni europeo che si avvicina a lui e cerca di ritardare la partenza dello straniero come se sperasse di inalare qualche influsso benefico mentre è in sua compagnia.

Quante volte ho visto un turco dalla folta barba, con il turbante largo, scuro, ruvido e feroce nell’aspetto, arrossire come un bambino quando catturava il mio sguardo fisso sul suo abbigliamento sporco o i suoi movimenti goffi.

Quante volte uomini del genere si sono avvicinati timidamente a chiedermi di insegnargli il modo di realizzare qualche oggetto insignificante o di eseguire qualche lavoro ordinario, e poi hanno scosso la testa, sorridendo tristemente e dicendo: “Non siamo europei, ma pazienza, impareremo”.

Ciò che è ancora più strano è il loro comportamento verso le donne, e in particolare verso le loro donne in nostra presenza e verso di me nella loro. Di questo parlerò in un’altra lettera.

 

Cristina Trivulzio di Belgiojoso

[1] Titolo onorifico attribuito dal Sultano d’Istanbul ai funzionari ottomani di grado elevato. Maggiore ai Bey ed Agha,ma minore dei khedivè e visir.

[2] Mahmoud II ( 1785-1839) 30esimo sultano dell’impero ottomano dal 1808 al 1839. Vedi http://en.wikipedia.org/wiki/Mahmud_II

[3] “seraglio” nel testo originale,  derivante dal Persiano “saray”. In questo caso si riferisce al palazzo Topkapi, residenza del sultano a Costantinopoli.

error: Content is protected !!