Skip to main content

Lettere di un’esule – 9

By 11 Febbraio 2024Febbraio 25th, 2024esule, I suoi articoli

Lotte Orientali – Sultan Mahmud – Riforme – Combattimenti Feudali in Asia – I Giannizzeri – Il Loro Massacro – I Suoi Effetti – La Nuova Armata – Prospettive.

 

Costantinopoli, mercoledì 19 febbraio 1851

Agli Editori del New York Tribune:

 

Ho già detto che ai Mussulmani è stato insegnato a combattere o morire. Ma potreste sostenere che il periodo di gloria mussulmano è ormai passato da tempo e che la razza è in declino da molto tempo. A questo risponderò che lo spirito guerriero dei Mussulmani ha trovato un campo sufficiente in quelle contese interne che sono passate quasi sconosciute all’Occidente, anche se costituivano un importante capitolo della storia orientale. L’ultimo sultano Mahmud fu davvero l’equivalente orientale di Luigi XI, il distruttore del potere feudale, e contando sull’aiuto dei sostenitori di nuovi principi, come aveva fatto il re francese con le crescenti Comuni, abbatté gli alberi alti del suo giardino, lasciando al loro posto solo cespugli che crescevano.

La nuova situazione non poteva durare perché il popolo non era stato educato alla libertà e all’indipendenza– perché, sotto i signori feudali, pagavano molto meno che sotto il governo diretto del sultano – perché un riformatore politico non dovrebbe mai distruggere un’istituzione politica o civile, imperfetta che sia, prima di averne una nuova pronta e adatta a sostituirla. Mentre le nazioni europee erano interamente assorbite dalla repressione della guerra tra il sultano Mahmud e Maometto Ali, trascurarono completamente i seri conflitti in corso in Asia Minore, in Siria, nel Kurdistan e in tutte le province remote dell’Impero Mussulmano. –

Tuttavia, questi conflitti erano gravemente allarmanti. Le classi più basse delle province sapevano a malapena di essere sudditi del sultano. –

Versavano tributi ai loro capi feudali, che lo appropriavano tutto per i loro scopi; li seguivano sul campo, combattendo contro chi non sapevano nemmeno – persino contro i soldati del successore di Maometto.

Alcuni di questi Baroni orientali comandavano armate di 50.000 uomini e si difendevano in città ben fortificate. Altri occupavano la campagna con una formidabile e ben equipaggiata cavalleria contro la quale le truppe pesanti e indisciplinate del Sultano non potevano reggere. Molti di questi conflitti durarono molti anni e rovinarono i paesi in cui ebbero luogo. Molti tristi ricordi di queste rivoluzioni sono ancora visibili nei muri rotti, nei campi desolati e nelle rovine di città che ingombrano il terreno e conferiscono un aspetto cupo a un paese una volta prospero.

Fu nell’anno 1820 che l’ultimo dei Principi feudali fu sconfitto, perdonato e umiliato. Le truppe ribelli furono disarmate e disperse, le estese proprietà dei capi sconfitti furono confiscate dal Sovrano – ovvero cadute in disgrazia. Fu in quel momento che le classi più basse, che avevano perso i loro protettori, la fonte di tutta la loro prosperità, si videro obbligate a versare un pesante tributo al Sultano, e non potendo pagare, videro i loro terreni trasformati in paludi irlandesi. La loro presente sventura divenne così la causa di una sventura maggiore, e ogni prospettiva migliore svanì, lasciando nella popolazione desolata solo disperazione o quella rassegnazione apatica che vieta l’aspirazione e lascia l’uomo completamente indifeso contro i capricci della Fortuna.

È certamente una delle caratteristiche più felici del tempo attuale che nessun Governatore, per quanto tirannico possa essere, può prosperare se il suo popolo è infelice. Il benessere del re, e ora difficilmente possiamo comprendere come, nei tempi antichi, ogni diritto popolare fosse quotidianamente disprezzato senza mettere in pericolo minimamente la sicurezza e la grandezza del principe e del governo. Questa situazione è passata, e anche nei paesi mussulmani la grande legge cristiana dell’uguaglianza, sebbene scartata in teoria, governa effettivamente.

Mahmud aveva avuto successo contro i baroni feudali del suo dominio, ma le sue finanze erano nell’estremo disagio, e le sue truppe erano più una minaccia che una sicurezza. Fu allora che concepì e realizzò il piano gigantesco di distruggere in un solo giorno 60.000 uomini, tutti armati, abituati a combattere e in possesso di tutti i mezzi di difesa appartenenti allo Stato. Questo piano, progettato in assoluta segretezza, fu eseguito con un coraggio degno di una causa migliore. Anche se nessun giannizzero sfuggì all’estinzione generale, non si sono mai riuniti da quel giorno, e il resto di quell’orgoglioso e potente esercito fuggì per seppellirsi nella terra incontaminata del loro paese nativo, per vivere e morire sconosciuti. –

Ma se la parte materiale del piano di Mahmud ebbe così tanto successo, l’aspetto pratico di esso fu trascurato, come nell’affare dei Baroni feudali e di Keru(?) nessuno dei frutti che si anticipavano si è sviluppato e maturato. Prima di distruggere il potere feudale, Mahmud avrebbe dovuto preparare una legge costituzionale da mettere al posto di quella feudale, e la sua negligenza causò l’anarchia dopo il dispotismo. Prima di distruggere i giannizzeri, che erano una specie di milizia nazionale dei Mussulmani, Mahmud avrebbe dovuto gettare le basi per un esercito regolare. Ma non solo ciò non fu fatto, ma nessuno degli elementi costitutivi di un futuro esercito fu assicurato. L’organizzazione militare non era pronta, e non c’era denaro in magazzino per la sua formazione, e non vennero proposti piani per raccogliere i fondi necessari. Appena i giannizzeri furono morti, Mahmud si vide, con costernazione, privato di ogni forza militare, circondato da nemici e pericoli. Convocò diversi ufficiali europei, formò in gran fretta una legge di leva e pose pantaloni stretti, giacca da spettacolo e alti cappelli sui pastori e mulattieri delle province remote. Ma un sarto europeo non è sufficiente per formare un esercito europeo – no, nemmeno un esercito mussulmano. I giannizzeri erano i depositari dello spirito guerriero degli Osmanlis. Si vestivano come i loro padri, erano armati come loro, pensavano, amavano e odiavano come loro, e erano orgogliosi dell’autorità che avevano guadagnato e mantenuto.

Ma se Mahmud sperava di inoculare quello spirito nelle sue giovani reclute, si sbagliava stranamente. La nuova armata non era composta dai figli dei giannizzeri, nati e cresciuti con le armi e la fama dei loro padri; era composta da soldati scelti per la loro età e altezza. Era una nuova impresa e avrebbe dovuto essere affrontata con uno spirito nuovo. Come è stato, è fallita, e quel fallimento sarà l’argomento della mia prossima lettera.

Cristina Trivulzio di Belgiojoso

error: Content is protected !!