Skip to main content

Letters of an exile – 7

By 21 Gennaio 2024Febbraio 17th, 2024esule, I suoi articoli

La condizione domestica e sociale dei Turchi.

Costantinopoli, venerdì 15 novembre 1850

Agli Editori de The Tribune:

Recentemente vi ho detto che la nazione turca, destinata a imprese bellicose, non era costituita per una vita pacifica; così che, una volta chiuso il campo di azione, non poteva evitare un rapido declino e una morte prematura. Uno schema breve della condizione attuale dei seguaci di Maometto illustrerà appieno il mio significato.

Nessun popolo può sviluppare e mantenere la sua forza vitale ed energia durante un periodo di pace se non attraverso il lavoro; vale a dire, attraverso il commercio, le arti e l’industria, ognuna delle quali è vietata dalla legge musulmana. Tuttavia, un popolo può perdere la sua energia e di conseguenza la sua ricchezza, senza cadere molto in basso nell’estimazione di altre nazioni, e senza degradare il proprio carattere o essere.

Ma se è condannato, insieme alla perdita di energia e ricchezza, alla perdita di ogni sentimento umano e nobile, sarà presto ridotto alla miserabile condizione della bestia. Che questa sia la situazione dei musulmani dell’Est, è, secondo me, fin troppo evidente. Non conoscono nessuna delle arti o dei lussi. Le loro città più grandi e ricche sono solo cumuli di misere baracche, situate e costruite senza alcuna attenzione per l’ordine, l’eleganza o il comfort. La legge dell’Impero turco che vieta la costruzione di case in pietra e di edifici a volta rende gli incendi così frequenti che nessuna persona ragionevole spenderebbe più del necessario per proteggere se stesso e i suoi beni, con la sua famiglia ovviamente compresa in quella categoria. Gli arredi di una casa turca consistono in un divano o ottomano intorno alla stanza e adiacente alle pareti, e alcuni pezzi di tappeto irregolarmente sparsi sul pavimento di legno. Questi ottomani servono come letti, sedie e tavoli, essendo spesso ingombrati dagli scarichi utensili della casa turca. Le carrozze turche sono le stesse di alcuni secoli fa, e non è possibile per alcun europeo sedersi in una di esse per molto tempo senza rompersi. I loro carri, che trasportano tutte le loro merci per distanze immense, sono così maldestri che le strade sono letteralmente coperte di ruote rotte e altri simili resti. Utilizzo la parola “strade” per chiarezza, anche se non c’è nulla di simile a quello che noi definiamo così in tutto il territorio dei successori del Profeta, solo alcuni resti di una strada romana attribuita all’Imperatrice Elena, e alla quale non è stato aggiunto alcun mattone da allora. Le carovane orientali e le arabe (questo è il nome turco per ogni tipo di carrozza) si susseguono e calcano le orme l’una dell’altra, insieme alle buche create dalle pesanti ruote dei mezzi di trasporto, sono gli unici segni che distinguono la strada dalla campagna aperta. Ma il numero di questi viaggiatori è molto grande, e la loro capacità di superare difficoltà e pietre è molto disuguale, alcuni seguono una rotta mentre altri ne scelgono una diversa; così le strade o gli spazi battuti sono numerosi quanto le fantasie dei viaggiatori. Cento uomini potrebbero andare da Handeck a Bolo senza incontrare un singolo individuo di un altro centinaio che va nella direzione opposta; e niente è più difficile che riconoscere e decidere quale sia la più breve e la migliore tra le innumerevoli tracce. I modi usati dai Turchi per bardare, brigliare e ferrare i loro cavalli, così come per sistemare i carichi sulle schiene delle loro bestie, sono piuttosto ridicoli, per la loro stranezza e scomodità. I loro mantelli e abbigliamenti sono di lana grossolana, fatti nel modo più grezzo. Nonostante i frequenti bagni, non hanno un’idea distinta di pulizia, poiché le loro abitudini e maniere sono completamente in opposizione ad essa. Mangiano con le mani, bevono da una tazza comune, soffiano il naso con le dita, non si svestono mai di notte, cambiano raramente la biancheria e i vestiti, non spazzano mai le loro stanze, né lavano i loro piatti, stoviglie o utensili da cucina, e non considerano affatto vergognoso o disgustoso essere divorati dai parassiti più orribili, come cimici, pulci, pidocchi, ecc. I colli e le braccia bianchi delle signore turche sono costantemente coperti di macchie nere e rosse, che sono la conseguenza di una così indegna compagnia; e per menzionare un dettaglio insignificante, aggiungerò che la consuetudine di stirare la biancheria lavata è del tutto sconosciuta in Oriente. Avevo alcuni utensili da stiro nella mia casa, che erano guardati dai nativi come strumenti di tortura o come strumenti chirurgici. È vero, sarebbero necessari molti chili di ferro e un polso erculeo per stendere e rendere uniforme la tela grezza e ruvida che indossano.

Il loro cibo, sebbene non delicato né saporito, è sostanzioso e comprende eccellenti verdure come cavoli, carciofi, zucche e barbabietole, che costituiscono il loro pasto abituale. A queste aggiungono latte acido, preparato in modi diversi, aglio crudo, dolci al miele, formaggio bianco e conserve. La frutta qui è buona ed abbondante. Fragole, ciliegie, pesche, prugne, albicocche, uva, mele e diverse frutte selvatiche pendono abbondanti dagli alberi, ma nessuno le raccoglie, poiché non ci sono abbastanza persone per consumarle. Ma mentre tali doni della natura sono abbondanti ed eccellenti, nessun ringraziamento deve essere rivolto all’uomo e alla sua industria, poiché non una foglia, non una singola bacca, è stata aggiunta da lui alla ricchezza della terra. Né le verdure né i frutti che richiedono cure sono considerati da questo popolo indolente degni di alcuna attenzione. Piselli, asparagi, spinaci, lattuga, ecc., anche se crescono da soli nei campi, sono trascurati come buoni a nulla, come l’erba, perché non possono essere mangiati nel loro stato selvatico. Patate non ne hanno, e non si sforzano di conservare per la stagione invernale nessuna delle abbondanze che si trovano durante l’estate. Anche se gli abitanti cristiani dell’Oriente bevono e di conseguenza producono vino, non sognano mai di conservarne una scorta da un anno all’altro, ma lo bevono sempre appena è fatto, cioè prima che abbia acquisito il suo vero sapore. Il loro pane, male cotto e senza lievito, assomiglia più a grandi ostie bianche che a quello che siamo abituati a chiamare pane. In breve, la vita qui è privata di tutta la sua eleganza e comodità, così come del lusso. Freddo, fame e fatica sono appena prevenuti dall’essere troppo fastidiosi, ma non è permessa alcuna indulgenza al corpo, dopo la sua liberazione da questi mali.

Una tale assoluta mancanza di lusso rende l’acquisizione di fortuna di poca importanza. La trascuratezza abituale dei Turchi è stata spesso giustificata con la credenza nel fatalismo. Ma non penso che alcuna dottrina filosofica renda l’uomo indifferente alla perdita o all’acquisizione di ricchezze, se il suo temperamento non lo influenza in quella direzione. La verità è che un Turco è incurante nel fare fortuna quanto incline a perderla una volta fatta, e il fatto che un uomo lasci tutta la sua proprietà ai suoi figli è quasi inconcepibile tra loro. Si vedono ogni giorno immense ricchezze cedere improvvisamente e scomparire come nebbia, davanti al capriccio o alla negligenza del proprietario, senza suscitare il minimo stupore o la minima pietà negli osservatori. Cosa diventeranno i figli di un uomo rovinato, mi sono chiesto, cresciuti come sono nel lusso o nell’aspettativa di una grande fortuna? Ma i Turchi a cui è stata rivolta la mia domanda l’hanno a malapena compresa, poiché in realtà i figli dei ricchi non sono abituati al lusso e alle alte aspettative. Anche se ricchi, vivono nello stesso stile rurale dei più poveri individui, e per quanto riguarda le aspettative, sanno bene che potrebbero facilmente impossessarsi della fortuna di qualsiasi estraneo così come di quella del loro padre. Se crescono come bei ragazzi o belle ragazze, piaceranno al gusto di qualche uomo di alto rango e saranno elevati da lui al culmine della ricchezza e dell’onore.

Ma alla loro improvvisa acquisizione di fortuna, non penseranno al futuro, non presteranno attenzione alle minacce dei pericoli, non avranno idea di previsione prudente, ma soddisferanno ogni capriccio, imiteranno e gareggeranno con il loro padrone in stravaganza e dissipazione, compreranno costose pipe, selle, briglie, abiti, pantofole, anelli e ornamenti per la testa, case, schiavi di entrambi i sessi, costruiranno palazzi e kiosques, e tutto ciò in questa strana e unica città di Stambul, dove, fino al giorno d’oggi, la ricchezza era fonte di persecuzione e distruzione. Supponiamo che un uomo ricco abbia cinque ville sulla riva del Bosforo, dove si diletta nel soddisfare tutte le fantasie del lusso e nel gratificare ogni lussuria. Guarda quel caicco veloce; come vola sulle onde, danzando sotto l’impulso ben regolato di sei coppie di remi. Passa davanti alla bella villa e sembra fermarsi un momento. È la barca di un potente Pascià, che va a respirare la brezza marina. Ha fissato il suo occhio di falco sulla dimora dell’uomo ricco. Lo trova di suo gusto e deve averlo. Se l’uomo ricco cede la sua proprietà senza lamentarsi, può ancora essere al sicuro; ma se esita, è perduto. Tale è il modo in cui la proprietà personale è rispettata e garantita nell’Impero Ottomano.

 

error: Content is protected !!